Moody’s taglia le stime del pil italiano: 0,2% nel 2019

Per il 2020 si attende un'espansione al ritmo dello 0,5%, tre decimi in meno delle stime di due mesi fa

228

Moody’s ha tagliato le stime di crescita dell’economia italiana sia per il 2019 che per il 2020. Per l’anno in corso, la proiezione è ora di una crescita modesta pari allo 0,2% rispetto al +0,4% atteso a giugno mentre per il 2020 si attende un’espansione al ritmo dello 0,5%, tre decimi in meno delle stime di due mesi fa. Per quanto riguarda l’inflazione, la stima è di uno 0,2% quest’anno e di un +1,4% per il 2020 mentre la disoccupazione si dovrebbe attestare al 10% quest’anno e al 9,8% il prossimo.

“L’outlook per l’Italia rimane particolarmente incerto con un’economia che continua a stentare – si legge nel rapporto dell’agenzia di rating. Per quanto la maggior parte dei paesi dell’eurozona abbiano registrato un qualche rallentamento dalla metà del 2018 in avanti, quello dell’Italia è stato il più accentuato. Per questo ci aspettiamo che l’economia dell’Italia cresca di un modesto 0,2% quest’anno per poi guadagnare un po’ di velocità nel 2020 allo 0,5%. I dati del secondo trimestre confermano che l’economia è in fase di stagnazione e che gli investimenti sono in stallo. La pressoché continua instabilità politica e i disaccordi con l’Ue hanno dato adito a un’incertezza persistente e a condizioni finanziarie meno favorevoli”.