Moneta elettronica, in Italia i costi più bassi rispetto ai grandi Paesi d’Europa

220

L’Abi esprime un giudizio positivo sulla “sensibilizzazione dell’ opinione pubblica e, sopratutto, sugli incentivi fiscali” che potrebbero essere inseriti in manovra “per l’ uso dei sistemi di pagamento tracciati” e ricorda che in Italia, dal 2017 sono entrati in vigore i limiti sui costi per l’uso delle carte imposti dall’Ue, che fanno del nostro Paese “quello che ha i costi minori”. Lo ha detto il presidente dell’ Associazione bancaria italiana Antonio Patuelli rispondendo alla domanda di un giornalista. “Dati pubblicati proprio oggi – ha aggiunto – confermano che i costi complessivi dei pagamenti con carte di credito in Italia sono inferiori a quelli dei principali Paesi Ue”, ricordando pero’ che questo vale “per le carte di origine o circolazione italiana, non per quelle di altri continenti” “L’Abi, pero’, e’ un interlocutore culturale dello Stato, al quale tocca assumere la decisione e non ha possibilita’ di imporre prezzi amministrati. Non vogliamo andare ad infrangerci su nessuna norma anti-trust, che noi dobbiamo solo applicare”.