Manovra, l’Ue avverte l’Italia: “Rischio di non conformità con il patto di stabilità”

Il giudizio della Commissione europea nel pacchetto di autunno, presentato a Bruxelles

275

Il Documento programmatico di bilancio dell’Italia per il 2020 presenta un “rischio di non conformità con il patto di stabilità”, insieme alle manovre economiche di altri sette Paesi, vale a dire Belgio, Francia, Spagna, Portogallo, Slovenia, Slovacchia e Finlandia. E’ il giudizio della Commissione europea nel pacchetto di autunno, presentato a Bruxelles. Tuttavia, la Commissione sottolinea che “nessun documento programmatico di bilancio per il 2020 mostra una conformità particolarmente grave ai requisiti del patto di stabilità”.

In ogni caso, l’Italia non è mai stata ‘broadly compliant’ con il patto di stabilità. Il “rischio di deviazione significativa” in autunno è una costante per il nostro Paese: dal 2014 in poi (nel 2013 è uscito dalla procedura per deficit eccessivo) è sempre stato a rischio di deviazione significativa, tranne un anno, il 2018, in cui è stata valutata in ‘particularly serious non-compliance’, cioè non conformità particolarmente grave. La differenza con la situazione dell’autunno 2018, con la manovra del Conte uno, è netta: allora la manovra venne respinta dalla Commissione.