L’appello del Cnel: «Emergenza mette in crisi il progetto-Europa»

Tre i provvedimenti urgenti da adottare: emissione di Eurobond, liquidità diretta agli Stati e fine del patto di stabilità

210

“L’emergenza in corso, che si sta affrontando con una serie di provvedimenti nazionali privi di coordinamento a livello Ue e dalle forti implicazioni degenerative, rischia di compromettere l’intero progetto europeo. Il CNEL ritiene che la grave crisi in atto obblighi gli Stati membri a realizzare sin da subito un nuovo spazio europeo comune in grado di rispondere con velocita’ ed uniformita’ alla variabilita’ di scenario che caratterizzera’ sempre piu’ marcatamente il mondo globalizzato, dai punti di vista economico e sociale cosi’ come sanitario ed ambientale”.

E’ quanto scrive il CNEL nel documento dal titolo “Appello all’Europa. Occasione unica per una nuova identità”, redatto dalla III Commissione Politiche UE e cooperazione internazionale presieduta dal vicepresidente Elio Catania e approvato all’unanimita’ in Consiglio di Presidenza, che si e’ riunito in videoconferenza ieri sotto la presidenza del presidente Tiziano Treu, alla presenza del segretario generale Paolo Peluffo.

Tre i provvedimenti urgenti che deve adottare la UE secondo il CNEL:

“1. L’emissione di debito garantito da tutti gli Stati europei (Eurobond) che, proprio perche’ comune, puo’ ragionevolmente essere percepito come strumento di alta qualita’ finanziaria sui mercati globali e appare idoneo a contenere rischi che diventeranno sistemici. Ancor di piu’, l’introduzione di un simile strumento su base stabile e strutturale, supportato da un bilancio europeo autonomo dell’eurozona, darebbe impulso al processo di governo del debito e alla sostenibilita’ economica.

2. L’iniezione di liquidita’ diretta (helicopter money) per dare ossigeno all’economia reale in sofferenza.

3. Superamento definitivo, non la mera sospensione, del patto di stabilita’ per sostenere le grandi scelte strategiche di crescita economica e coesione, pur sempre in una prospettiva di equilibrio finanziario.
Un appello forte, quindi, che le parti sociali nazionali ed europee rivolgono ai Paesi perche’ l’Unione esca da questa drammatica fase con la consapevolezza che occorre rivedere i propri modi operativi, per essere capace di gestire shock di mercato, ambientali e sociali, nei confronti dei quali l’assetto esistente si e’ dimostrato inadeguato”.

“La situazione che gli Stati europei si trovano improvvisamente a fronteggiare costituisce paradossalmente, un’opportunita’, una necessita’ storica per ripensare l’Europa – osserva il vicepresidente Catania – conservando lo spirito di fondo del grande progetto di unificazione, ma rimettendone in discussione il funzionamento istituzionale e adeguandone la capacita’ di mettere in campo strategie comuni e politiche efficaci – si legge ancora nel documento CNEL – L’Unione e’ di fronte ad un crocevia pieno di rischi. Ma va colta l’opportunita’. Riflettere sul futuro dell’Europa, darsi una visione e dotarsi degli strumenti per realizzarla e’ indispensabile. Per rimettere in gioco il quadro europeo, scongiurare il rischio politico di disaggregazione e di crisi della tenuta democratica. L’urgenza del momento impone scelte rapide e con effetto immediato”.