”Il bonus di 80 euro non sarà eliminato”. E’ quanto dice il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, in audizione nelle commissioni Bilancio di Camera e Senato. Anche se, precisa, ”è intenzione del governo avviare un più generale ripensamento e riforma dell’Irpef e del sistema fiscale”. Risponde poi alcune domande sulla sanità e la Pa. ”Ci sono incrementi sul fondo sanitario nazionale? Sì. Ci sono le risorse per il rinnovo dei contratti nella pubblica amministrazione? Sì”.

L’aumento dell’iva non è una delle fonti finanziamento della manovra” ma ”questo non esclude che si possano valutare delle rimodulazioni che possano puntare a rendere più equo ed efficace il meccanismo” che possa ”costituire un volano per meccanismi d’incentivo a forme di pagamento digitale”. Quindi alla domande se sono escluse possibili rimodulazioni delle aliquote la risposta è ”no”. ”Grazie alla rinnovata fiducia nei confronti del Paese e al coinvolgimento attivo dei cittadini, delle forze sociali, produttive e intellettuali siamo convinti poter cogliere le sfide che il paese avrà di fronte, perseguendo sull’orizzonte della legislatura una politica di bilancio responsabile, orientata alla crescita, alla sostenibilità ambientale e sociale”. ”L’Italia è un paese solido, con finanze pubbliche sane e sostenibili, che ha mostrato doti di resilienza anche nelle fasi più difficili”.

(adnkoronos.com)