Fitch: Italia, crescita zero e continua stagnazione

Le stime: range 0%-0,1% per il 2019, 0,4% nel 2020 e 0,6% nel 2021, dopo il +0,9% registrato nel 2018

181

L’outlook dell’economia globale si è “significativamente deteriorato” a causa dell’escalation delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina. E’ quanto si legge nel Global Economic Outlook (Geo) di Fitch Ratings, che ha abbassato le stime di crescita mondiale per quest’anno e il prossimo e attende ora l’espansione più lenta dal 2012, quando la crisi dell’Eurozona era all’apice.

Fitch ha dunque tagliato le stime sul Pil mondiale dello 0,2% rispetto al Geo di giugno e prevede ora una crescita del 2,6% nel 2019 e del 2,5% nel 2020, contro il +3,2% registrato l’anno scorso. Per quanto riguarda l’Italia, l’agenzia di rating alla luce della “continua stagnazione dell’economia, con un solo trimestre di crescita negli ultimi cinque”, attende ora per l’Italia crescita zero quest’anno, dello 0,4% nel 2020 e dello 0,6% nel 2021, dopo il +0,9% registrato nel 2018. Fitch ritiene inoltre che in Italia “la crescita zero del secondo trimestre è stata al di sotto del +0,1% stimato a giugno” e che “la crescita trimestrale resterà tra lo 0 e lo 0,1% per il futuro prevedibile”.