Fincantieri cerca 5-6mila lavoratori nei prossimi tre anni, ma non ci sono

224

“Nei prossimi 2-3 anni avremo bisogno di 5-6 mila lavoratori ma non so dove andarli a trovare. Si tratta di carpentieri, saldatori… Abbiamo lavoro per 10 anni, cresciamo ad un ritmo del 10%, ma sembra che i giovani abbiano perso la voglia di lavorare”. A dirlo l’amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, nel corso del suo intervento alla conferenza organizzativa della Cisl.

“Sento parlare tanto di lavoro, crescita, infrastrutture, porti, autostrade ed aeroporti. Ma penso che tra un po’ di tempo avremo piu’ universita’ che laureati, piu’ porti che navi, piu’ aeroporti che passeggeri. Questi sono gli sprechi del Paese, vogliamo tutto ma vogliamo che lo facciano gli altri”. Il lavoro “e’ dignita’”, ha poi sottolineato parlando a margine dell’iniziativa della Cisl, “se uno si accontenta di fare il rider a 500-600 euro… da noi un lavoratore medio prende 1.600 euro al mese. Allora se uno volesse guardare al futuro non si accontenterebbe di fare il rider, anche perche’ non e’ che fare il rider e’ meno faticoso di fare il saldatore. Purtroppo – ha concluso Bono – abbiamo cambiato cultura”.