Federalberghi: “Nessun obbligo di chiusura delle strutture ricettive”

La nota: "Non mancano tuttavia le strutture, su tutto il territorio nazionale, che continuano ad erogare il servizio, lavorando in perdita"

248

“Il decreto adottato ieri sera dal presidente del Consiglio dei ministri, che impone la sospensione di alcune attività economiche, non menziona in alcun modo gli alberghi e le strutture ricettive. Federalberghi, alla luce delle fake news circolate in queste ore, ritiene opportuno chiarire che non è previsto alcun obbligo di sospensione dell’attività ricettiva”.
Così, in una nota, Federalberghi sottolineando come “negli ultimi giorni moltissimi alberghi, preso atto della totale mancanza di clienti, italiani e stranieri, hanno deciso di chiudere i battenti, in attesa di tempi migliori. Non mancano tuttavia le strutture, su tutto il territorio nazionale, che continuano ad erogare il servizio, lavorando in perdita, con spirito di responsabilità, per fornire il necessario supporto alle persone che ne hanno bisogno”.