Covid-19, le parti sociali chiedono un Piano Marshall per l’Italia

235

Un vero e proprio piano Marshall per risollevare l’economia italiana con una ‘regia’ coordinata di interventi che non dovranno limitarsi alla ‘zona rossa’ ma tener conto di tutti i settori colpiti a livello nazionale, dal turismo alla manifattura, estendendo le misure messe in campo, a partire dagli ammortizzatori sociali. E’ questa la richiesta che rivolgeranno imprese e sindacati al premier, Giuseppe Conte, al tavolo convocato a Palazzo Chigi mercoledi’ prossimo per fronteggiare l’emergenza coronavirus. Un appello gia’ lanciato nei giorni scorsi e che sara’ rinnovato anche alla luce del decreto legge varato ieri, che prevede interventi a sostegno delle famiglie, dei lavoratori e delle imprese, rivolti soprattutto agli 11 comuni colpiti, e che viene giudicato “non adeguato”. L’emergenza coronavirus rischia di “gettare l’Italia in recessione” e pertanto serve “un’azione di sistema per impedirlo”, ha sottolineato in un’intervista a ‘La Stampa’ il segretario generale della Cgil Maurizio Landini, chiedendo di “riavviare tutte le attivita’, comprese quelle fuori dalle zone direttamente coinvolte” e di “mettere le parti sociali e il governo attorno a un tavolo per un grande piano che rilanci il lavoro di qualita’, gli investimenti pubblici e privati, la formazione e la ricerca” cercando di “aprire una discussione con l’Europa”