Confesercenti: in 3 mesi -1,5% consumi. Calo 6,6 miliardi dall’estate

37

“I consumi si confermano come l’elemento di maggior fragilità dello scenario di previsione e ad essi il DEF non dedica specifica attenzione”. Così Mauro Bussoni, segretario generale Confesercenti, in audizione sul Def, sottolineando che l’associazione “stima che la spesa delle famiglie possa essersi ridotta nei primi tre mesi del 2021 dell’1,5%, cumulando un arretramento di 6,6 miliardi dalla scorsa estate (-2,7%)”.

La spesa delle famiglie, aggiunge, “non è, purtroppo, considerato elemento propulsivo della ripresa post- pandemica, ruolo affidato invece agi investimenti, anche per il traino atteso dall’attuazione del PNRR”.