Climate Change, all’Italia costerà l’8,5% del pil entro il 2050

È quanto emerge dal rapporto “Gli impatti economici dei cambiamenti climatici in Italia”, che costituisce la prima parte della “Relazione sullo stato della Green Economy 2019”

174

L’economia italiana risentirà del cambiamento climatico in misura sette volte maggiore rispetto alle stime considerate fino ad oggi. È quanto emerge dal rapporto “Gli impatti economici dei cambiamenti climatici in Italia”, che costituisce la prima parte della “Relazione sullo stato della Green Economy 2019” presentata a Rimini in occasione dell’ottava edizione degli Stati Generali della Green Economy. Lo studio indaga le conseguenze economiche del climate change con una particolare attenzione al territorio italiano, aggiungendo a una revisione degli studi scientifici più recenti nuove stime basate sull’analisi di migliaia di dati ad alta risoluzione.

«La parte più innovativa del rapporto riguarda le nuove previsioni sull’impatto dei cambiamenti climatici sull’economia e sulla disuguaglianza in Italia», spiega Massimo Tavoni, docente al Politecnico di Milano. «Secondo le nostre nuove stime, gli impatti economici previsti per la seconda metà del secolo arrivano all’8,5% di perdita di Pil in Italia. Sono stime di molto superiori a quelle precedenti, che risultavano al massimo nell’1 o 2% di perdita di Pil».

(ilsole24ore.com)