Castelli: «Fondi agli enti locali per i controlli sanitari ai migranti in arrivo»

Lo scrive su Facebook il viceministro all'Economia: «Per evitare situazioni di degrado e disordine. Il nostro sostegno ai Comuni non manca neanche in questo difficile momento»

122

“Monitoriamo i numeri, lavoriamo ad un accordo con le autorità tunisine e nel frattempo strutturiamo alcune misure da finanziare nell’immediato per dare il giusto supporto agli enti locali”. Lo scrive su Fb il viceministro all’Economia Laura Castelli, spiegando che “servono risorse per i controlli sanitari a ogni migrante, per un fondo di ristoro da destinare ai Comuni coinvolti, che consenta loro di gestire in termini di sicurezza il momento emergenziale, e per il finanziamento di progetti che vedano la sinergia degli enti locali e dei Ministeri competenti, per evitare situazioni di degrado e disordine. Il nostro sostegno ai Comuni non manca neanche in questo difficile momento”.

Nei prossimi giorni una nave della compagnia Grandi navi veloci arriverà in Sicilia per consentire di trasferire a bordo i migranti che sbarcano sulle coste italiane e che devono essere sottoposti a quarantena. Al Viminale sono infatti state aperte le buste del bando indetto lo scorso 26 luglio ed è stata assegnata la gara. La nave, che molto probabilmente sarà ormeggiata al largo di Lampedusa, dispone di oltre mille posti: tolti quelli per il personale di bordo, le forze di polizia e il personale della Croce Rossa potrà ospitare tra i 600 e i 700 migranti, a partire da quelli che si trovano attualmente nell’hotspot sull’isola e nel Centro di Porto Empedocle. L’arrivo in Sicilia è previsto nei prossimi giorni: la nave dovrà essere infatti attrezzata con le segnalazioni e i percorsi anticovid. Al Viminale si sta inoltre lavorando per ottenere una seconda nave di dimensioni più ridotte che verrà trasferita in Calabria.

(ansa.it)