Bollette acqua, luce e gas: novità per gli sconti automatici in bolletta

91

Dallo scorso 1° luglio sono disponibili i nuovi sconti statali per coprire parte delle bollette di acqua, gas e luce. Nuovi perché al contrario delle vecchie regole, più complesse, oggi ottenere questi bonus è molto più semplice. Si tratta di agevolazioni fino a 177 euro, particolarmente utili in un momento come questo, in cui i prezzi si sono impennati con rincari anche a due cifre. Restano, però, dei paletti, il più importante dei quali è il patrimonio familiare, misurato dall’Isee: solo i meno abbienti e le famiglie più povere possono accedere a queste agevolazioni.

Il nuovo sistema sostituisce il vecchio bonus su richiesta: fino al 2020 era necessario presentare domanda al Comune di residenza o al CAF, insieme alla documentazione richiesta. Ora basta compilare la Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu), con i bonus che avranno una durata annuale. La Dsu va già presentata ogni anno per ottenere la certificazione dell’Isee. Se il nucleo familiare richiedente rientrerà nei parametri, l’Inps invierà direttamente i dati al al Sistema informativo integrato (Sii). Si tratta di quella banca dati che contiene tutte le informazioni per trovare le forniture elettriche e di gas oltre che i gestori idrici. A quel punto scatterà automaticamente l’agevolazione. Se la famiglia è servita da forniture centralizzata, però, è previsto un processo ad hoc di ammissione. Ogni famiglia ha diritto ad un solo bonus per categoria: elettrico, idrico e gas. Lo si può ottenere ogni anno.