Alitalia, spunta la strada della nazionalizzazione

248

La strada per il salvataggio di Alitalia (che appare sempre piu’ in salita) potrebbe passare per la nazionalizzazione della compagnia. Ne ha parlato anche oggi il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli: “Una soluzione si trovera’”, ha detto senza mezzi termini. Per aggiungere subito dopo: “La nazionalizzazione puo’ non essere per forza un evento negativo. Il problema e’: la politica sara’ in grado di individuare manager in grado di guidare l’azienda o solo manager trombati dalla politica?”. Il percorso per rilanciare la compagnia, ha spiegato quindi, potrebbe essere quello “di fare una struttura commissariale che abbia come obiettivo la ristrutturazione e poi la remissione sul mercato o la nazionalizzazione”. Ma prima di tutto “bisogna agire fortemente sulla componente costo”. Il tema sara’ al centro dell’incontro di questa stasera con i commissari straordinari di Alitalia Enrico Laghi, Daniele Discepolo e Stefano Paleari, attesi al ministero. Lo scenario della nazionalizzazione non dispiace ai sindacati, soprattutto alla Cgil: “Come abbiamo sempre sostenuto, una partecipazione dello Stato non puo’ che essere un elemento positivo – ha commentato il segretario nazionale della Filt Fabrizio Cuscito – constatando che fino a oggi le soluzioni di mercato non hanno dato risultati e che la partecipazione statale gia’ avviene nelle piu’ grandi compagnie aeree europee”.