Acea, nel 2019 i ricavi netti superano i 3 miliardi

234

Il Cda di Acea, presieduto da Michaela Castelli, ha approvato il progetto di bilancio, il bilancio consolidato al 31 dicembre 2019 e il bilancio di sostenibilita’. I ricavi netti consolidati ammontano a 3.186 milioni, in crescita di 158 milioni (+ 5%) rispetto al 2018, principalmente a seguito dell’incremento dei ricavi del servizio idrico integrato +221 milioni). Il margine operativo lordo passa da 933 milioni del 2018 ai 1.042 milioni del 31 dicembre 2019, registrando una crescita di 109 milioni (+12%). Il risultato operativo di 518 milioni segna un incremento di 40 milioni (+8%) rispetto al 2018, L’aumento e’ mitigato dalla crescita degli ammortamenti (+43 milioni rispetto al 2018), principalmente per la variazione del perimetro di consolidamento per 40 milioni (di cui 21 milioni relativi a GORI e 4 milioni all’Acquedotto del Fiora). Il risultato della gestione finanziaria, nel 2019, evidenzia oneri netti per 90 milioni, con un incremento di 7 milioni rispetto al 2018. Al 31 dicembre 2019 il costo globale medio all in del debito del Gruppo ACEA si e’ attestato al 2,15% contro il 2,21% dell’anno precedente.

Il risultato netto del Gruppo si attesta a 284 milioni, con un incremento di 13 milioni rispetto al 2018 (+5%). Gli Investimenti realizzati nel 2019 sono pari a 793 milioni, in sensibile crescita rispetto all’anno precedente (631 milioni), di cui circa l’81% destinati ad attivita’ regolate. La variazione del Capitale circolante netto al 31 dicembre 2019 e’ negativa per 16 milioni, in miglioramento rispetto al 2018 di circa 20 milioni (-35 milioni nel 2018). L’assorbimento di capitale circolante per effetti regolatori e’ pari a 41 milioni. L’ottimo andamento del capitale circolante e’ guidato dalle performance di incasso su tutte le aree di business, in particolare dell’area commerciale. L’Indebitamento finanziario netto del Gruppo registra un incremento complessivo pari a 495 milioni, passando da 2.568 milioni a fine 2018 a 3.063 milioni al 31 dicembre 2019. Tale variazione e’ conseguenza dell’incremento degli investimenti del periodo e delle dinamiche del cash flow operativo. Contribuiscono alla crescita dell’indebitamento l’applicazione dell’IFRS16 per 64 milioni, gli effetti del consolidamento di Acquedotto del Fiora e delle operazioni di M&A. La societa’ sottolinea come i risultati raggiunti nel 2019 sono superiori alle previsioni. E’ sempre ferma la volonta’ del Gruppo di realizzare importanti investimenti in infrastrutture che, mantenendo la solidita’ della struttura finanziaria consolidata, producano un impatto positivo sulle performance operative ed economiche del Gruppo.