Covid e welfare, l’appello di Meritocrazia Italia: “Le misure di contenimento tengano conto delle persone disabili”

203

La terribile comparsa della pandemia da Coronavirus per milioni di cittadini italiani con disabilità ha rappresentato un ulteriore colpo alla qualità di vita di questo esercito “invisibile”. Ne é convinta Meritocrazia Italia, che descrive questo “esercito” come “invisibile alle priorità della politica che ha relegato la condizione della disabilità nell’adulto ad un assegno di invalidità e nella scuola, spesso, ad un intralcio piuttosto fastidioso. L’isolamento per i disabili non è iniziato in Italia con il decreto Conte che chiudeva il Paese e non terminerà con la fine della pandemia”.

Le famiglie dei disabili sperimentano quotidianamente l’assenza di misure come una condizione ordinaria e il distanziamento sociale è nel DNA dei comportamenti acquisiti dai disabili e dai loro congiunti molto prima del lockdown da Covid.

“Troppe le criticità e le situazioni allarmanti. Urge una normativa nuova, aggiornata ai tempi, ai progressi scientifici, e soprattutto in grado di interpretare le effettive esigenze, non sempre omogenee, della più consistente “minoranza” italiana ma soprattutto di rivendicare il ruolo centrale della persona, contestualizzando e regolamentando gli aiuti in funzione del pieno sviluppo dell’individuo, rendendo effettivo il sostegno al bisogno, alla sofferenza, all’emarginazione e alla difficoltà economica” questo è il commento del Presidente Nazionale di Maritocrazia Italia, Walter Mauriello.