Vigili del Fuoco, protesta a Montecitorio: chiediamo parità di trattamento

Sit-in per chiedere che nella manovra finanziaria siano inseriti provvedimenti per l'equiparazione retributiva e previdenziale con gli altri corpi dello Stato

180

I vigili del fuoco sono scesi in piazza questa mattina a Roma: davanti a Montecitorio è stato organizzato un sit in per chiedere che nella manovra finanziaria siano inseriti provvedimenti per l’equiparazione retributiva e previdenziale dei pompieri con gli altri corpi dello Stato. Alla manifestazione hanno partecipato i sindacati Conapo, Apvvf, Sindir Vvf e Dirsta Vvf.

“Siamo il Corpo meno pagato: il ministero dell’Interno ha calcolato che servono 216 milioni all’anno per azzerare le differenze con gli altri Corpi, ma il Governo ne ha messi in legge di bilancio solo 25. Di questo passo – dice il segretario del Conapo Antonio Brizzi – andremo in pensione senza essere equiparati. Eppure chiediamo solo parità di trattamento e non privilegi”. “Al premier Conte, al ministro Lamorgese e ai capi politici Di Maio, Zingaretti e Renzi chiediamo di essere rispettati anche da vivi e non solo ai funerali”, conclude il segretario del Conapo richiamando il tragico rogo nell’Alessandrino in cui hanno perso la vita tre vigili del fuoco.