Venezia, Elisabetta Spitz commissario per il Mose

Il premier Conte: «Adotteremo il decreto che dichiara lo stato di emergenza come richiesto dal presidente della regione Zaia». Domani attesi 145 centimetri

207

La ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli ha confermato a Radio Capital che il supercommissario per il Mose “sarà Elisabetta Spitz”, ex direttore dell’Agenzia del Demanio.

“Nel Cdm di oggi adotteremo il decreto che dichiara lo stato di emergenza come richiesto dal presidente della regione Zaia e questo ci consentirà di varare già le prime dotazioni finanziarie per quanto riguarda le spese di primo soccorso volte a ripristinare la funzionalità dei servizi”, ha annunciato il premier Giuseppe Conte al termine di un vertice in prefettura. “Per quanto riguarda il ristoro dei danni – ha poi spiegato- ci sono due fasi: la prima consentirà di indennizzare privati ed esercenti commerciali fino ad un limite di 5mila euro per i privati e 20 mila per gli esercenti. Questi soldi potranno arrivare subito. Poi chi ha danni più consistenti saranno quantificati con più calma e ovviamente dietro istruttoria tecnica e potranno anche essere liquidati quelli maggiori”.

CONFESERCENTI: UN FONDO PER LE IMPRESE COLPITE
Per i negozi e le botteghe dell’area lagunare e del tratto di litorale tra Rosolina mare e Caorle si stima che almeno 9 su 10 abbiano subito danni diretti a causa dell’acqua alta. Per aiutare le imprese della citta’ a ripartire, Confesercenti, attraverso il suo Confidi Commerfin, lancia l’iniziativa “Solidarietà a tasso zero”: un finanziamento bullet di 12 mesi, garantito da deposito vincolato, per le imprese che hanno visto la propria attivita’ compromessa. Il prestito non prevede oneri per l’impresa richiedente: gli interessi del finanziamento saranno infatti addebitati a Commerfin. La disponibilità potenziale è di 7 milioni, per finanziamenti fino a 50.000 euro a impresa. Il prestito sara’ erogato entro 10 giorni dalla presentazione della richiesta e sarà restituibile, a tasso zero, dopo 12 mesi, senza spese di istruttoria. «”Solidarietà a tasso zero” vuole essere un aiuto concreto alle imprese, sul modello di quanto già fatto dalla nostra associazione in altre occasioni. Un impegno necessario ma non sufficiente, vista la frequenza di calamita’ naturali sul nostro territorio», dichiara Patrizia De Luise, presidente di Confesercenti.

ZAIA: DEVASTAZIONE DRAMMATICA
«Nel territorio di Porto Tolle e della costa polesana, dopo la furia dell’acqua di questi giorni, ci troviamo di fronte ad una devastazione che forse trova un unico precedente dopo la storica alluvione del 1966. So che i polesani sono gia’ al lavoro per risollevarsi e voglio assicurare che la Regione è al loro fianco ed è impegnata perche’ vengano date risposte rapide». Cosi’ il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, commenta le condizioni di eccezionale rovina che regnano nella zona di Porto Tolle, in particolare della Sacca di Scardovari, dopo le violente mareggiate che hanno colpito tutto il litorale veneto due giorni fa. «Lo scenario attuale – prosegue il Presidente – ci mostra come la natura si sia accanita anche li’ con una forza eccezionale e paurosa, scagliandosi rovinosamente sulle attivita’ imprenditoriali del territorio; ha lasciato uno scenario non meno apocalittico che altrove con cavane distrutte, barche squarciate e pontili fuori uso. In questa tragedia, comprendo il dolore dei cittadini che hanno subito ingenti danni, molti dei quali avevano appena rimesso in sesto la loro attivita’ dopo la distruzione di Vaia un anno fa. Con queste infrastrutture ad essere colpita in maniera rilevante e’ una delle principali realta’ economiche del Veneto – aggiunge il Governatore -. Stiamo parlando di molluschicultura, pesca e orticoltura: una serie di attivita’ da sempre caratterizzanti l’area e che danno sostentamento a centinaia e centinaia di famiglie. Anche per questo, ringrazio le forze dell’Ordine, i Volontari della Protezione Civile ed i Sindaci per il lavoro svolto senza sosta in questi giorni. Un lavoro portato avanti insieme ai residenti che da subito si sono rimboccati le maniche, confermando come gli altri Veneti di sapere reagire e rialzarsi. La Regione è e sarà al loro fianco».

PUNTA MASSIMA DOMANI: 145 CENTIMETRI
Il Centro Previsioni e Segnalazioni Maree della Protezione Civile – Direzione Polizia locale del Comune di Venezia ha segnalato che oggi la marea ha raggiunto un massimo di 113cm alle ore 10:45 a Punta della Salute Canal Grande e di 117cm in mare e a Chioggia città.
Per domani il Centro prevede un massimo di 145cm alle ore 11.20 del mattino, preceduto da una punta molto più contenuta di 105cm alle ore 01.00 della notte. Il valore di 145cm comporta un allagamento della superficie viaria cittadina pari a circa il 65% del suolo calpestabile.

RINVIATA SCADENZA TARI
La Giunta comunale di Venezia, in via straordinaria, si riunirà questo pomeriggio per adottare un provvedimento su indicazione del sindaco Luigi Brugnaro e predisposto dall’assessore al Bilancio e Tributi Michele Zuin, che dispone il posticipo dell’imminente scadenza della 4ª rata TARI prevista per il 16 novembre per tutti i cittadini e le imprese dell’intero Comune di Venezia. La nuova scadenza sarà fissata per il 16 dicembre 2019.