Tratta esseri uomini, un flagello per il Papa

21

“Un flagello che ferisce la dignità dei fratelli e delle sorelle più deboli”: queste le parole usate da Papa Francesco per definire  la tratta di esseri umani in un messaggio, a firma del cardinale Segretario di Stato, Pietro Parolin, inviato alla Commissione Giustizia e pace della Conferenza episcopale argentina. L’organismo, attraverso la sua speciale équipe “No alla tratta”, ha tenuto infatti un seminario on line in occasione della Giornata mondiale contro il traffico di esseri umani, celebrata ieri, 30 luglio. “L’epoca contemporanea – si legge nel messaggio pontificio – è tristemente marcata da una prospettiva utilitaristica che guarda al prossimo secondo i criteri di convenienza e di tornaconto personale, troncando così il cammino verso la realizzazione dell’umanità di ciascuno, in conformità con la sua unicità e il suo essere irripetibile”.