Sea Watch, è scontro: sequestro della Finanza, il Viminale non apre

172

E’ scontro sulla Sea Watch, la nave umanitaria con 47 migranti a bordo alla fonda davanti al porto di Lampedusa. La guardia di finanza è salita a bordo per eseguire il sequestro preventivo della nave. Una mossa che lasciava intendere lo sblocco della crisi: già in passato, come nel caso della Mare Jonio, il sequestro dell’imbarcazione di soccorso è stato accompagnato dallo sbarco dei migranti.

Questa volta però il Viminale ha deciso di non mollare. Aprendo uno scontro diretto con il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio. “La magistratura faccia come crede, ma il Viminale continua e continuerà a negare lo sbarco da quella nave fuorilegge. Il ministro dell’Interno si aspetta provvedimenti nei confronti del comandante della nave, dal quale è lecito attendersi indicazioni precise sui presunti scafisti presenti a bordo”, fanno sapere fonti del Viminale. La presa di posizione del Viminale non ha però fermato il magistrato. Secondo le ultime informazioni le motovedette della Finanza stanno per caricare a bordo i migranti e sbarcarli a Lampedusa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here