Rischio attentato a Roma, si cerca un siriano: ma è scappato all’estero

30

“Segnalazione urgentissima rintraccio soggetto pericoloso rispondente al nome di Y.A.A. oppure A. N.A. M. nato in Siria il 5 maggio 1991”. Inizia così la comunicazione diramata alle Volanti dall’ufficio di Gabinetto della Questura di Roma e datata 19 luglio 2019. Il soggetto da ricercare, del quale la Questura allega anche una foto con la porta di Brandeburgo, a Berlino, sullo sfondo, è un siriano di 28 anni arrivato nella Capitale con il proposito di compiere un attentato. “Da accertamenti fatti nell’immediatezza è emerso che lo stesso si è registrato sui social network Facebook con il nome di Y. A.”. “In caso di rintraccio del soggetto, prestare la massima attenzione e procedere al controllo contattando urgentemente Upgsp e Digos” conclude la nota. Ora è una vera e propria caccia all’uomo.

Non sarebbe però in Italia l’uomo di nazionalita’ siriana il cui nome e’ stato segnalato nell’ambito di scambi continui di informazioni tra paesi, alle forze di sicurezza italiane come presunto autore di un attentato. A quanto si apprende, sulla base degli accertamenti svolti immediatamente dall’antiterrorismo del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, si puo’ ritenere che l’allarme sia rientrato. Resta alta, come sempre, l’attenzione da parte delle forze dell’ordine e del sistema antiterrorismo italiano.