Rapporto sulla disabilità: il 5,2% degli italiani soffre di gravi limitazioni

Gli anziani sono i più colpiti: quasi 1 milione e mezzo di ultra settantacinquenni si trovano in condizione di disabilità e 990.000 di essi sono donne

249

Sono il 5,2% della popolazione, circa 3,1 milioni, le persone che in Italia, a causa di problemi di salute, soffrono di gravi limitazioni che impediscono loro di svolgere attività abituali. Gli anziani sono i più colpiti: quasi 1 milione e mezzo di ultra settantacinquenni si trovano in condizione di disabilità e 990.000 di essi sono donne. Il 26,9% di queste vive sola, il 26,2% con il coniuge, il 17,3% con il coniuge e figli, il 7,4% con i figli e senza il coniuge, circa il 10% con uno o entrambi i genitori, il restante 12% circa vive in altre tipologie di nucleo familiare.

E’ quanto emerge dal rapporto Istat “Conoscere il mondo della disabilita’” presentato in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilita’, durante una iniziativa promossa dall’Inail, il Comitato Italiano Paralimpico e l’Istat. Secondo il Rapporto, la “geografia della disabilita’” vede le Isole sono al primo posto con un’incidenza del 6,3% contro il 4,8% (il valore più basso) del Nord. Le Regioni nelle quali il fenomeno è più diffuso sono Umbria e Sardegna (rispettivamente l’8,7% e il 7,3% della popolazione) . L’incidenza più bassa si registra invece in Veneto, Lombardia e Valle d’Aosta (4,4%).