Polemica su passeggiate con figli, il Viminale: “Regole su spostamenti non cambiano”

328

”Le regole sugli spostamenti non cambiano. La circolare del ministero dell’Interno del 31 marzo si è limitata a chiarire alcuni aspetti interpretativi sulla base di richieste pervenute al Viminale. In particolare, è stato specificato che la possibilità di uscire con i figli minori è consentita a un solo genitore per camminare purché questo avvenga in prossimità della propria abitazione e in occasione di spostamenti motivati da situazioni di necessità o di salute”. Lo precisa una nota del Viminale.

“Dovrebbero uscire dei chiarimenti ma abbiamo risolto ogni problema”: così il presidente della Lombardia Attilio Fontana ha risposto a chi gli ha chiesto se, dopo le polemiche e le critiche, ci saranno dei chiarimenti da parte del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese sulla circolare che riguarda la possibilità per un genitore di uscire con un figlio a fare una passeggiata.

“Non c’è alcun allentamento dei controlli” e la circolare del Viminale si riferisce ai bambini molto piccoli quelli per cui “uscire è una necessità”, non certo “a un 15enne”. Lo chiarisce il viceministro agli Interni e capo politico M5s Vito Crimi a Radio Anch’io su Rai Radio 1. “Deve essere chiaro: non possiamo far pagare quello che sta accadendo ai bambini piccoli” che non possono essere “vittime dell’isolamento”. “In questo momento non dobbiamo parlare di tempi di riapertura ma di stare a casa: c’e’ qualche miglioramento dell’evoluzione dell’epidemia” ma per riaprire “dobbiamo vedere la luce”. aggiunge Crimi e chiarisce: “Per adesso non se ne parla”.