Mistero a Mendrisio, scomparso Americo Aldrovandi

Il 35enne di Capolago non dà più notizie da ormai due mesi a questa parte

261

Il programma di Rai Tre, “Chi l’ha Visto?”, torna ad occuparsi della scomparsa di Americo Aldrovandi, il 35enne di Capolago, a Mendrisio, in Svizzera, di cui non vi sono più notizie da ormai due mesi a questa parte, dalla fine di marzo. L’ultima ad averlo visto è stata la zia Patrizia: i due si sono scambiati dei messaggi fino al 13 marzo, via WhatsApp, poi il nulla. Ad un certo punto al telefono di Americo ha iniziato a rispondere una terza persona, uno sconosciuto che dice di essere in possesso dello smartphone del lavoro del ragazzo, e che non sa dove si trova il suo proprietario. Questo sconosciuto risponde per un paio di volte ai messaggi ricevuti poi ad un certo punto sparisce, spegnendo definitivamente il telefono. Cosa è successo ad Americo? Chi ha il suo telefono? In rete, nelle settimane prima della scomparsa, era stato pubblicato un video in cui il “gigante buono”, così come veniva soprannominato lo scomparso per la sua stazza, veniva schernito da un ragazzo, che poi lo minacciava con un coltello.

Un episodio che ha segnato molto probabilmente la vita di Americo, che infatti da quel giorno decide di rintanarsi in casa per paura di uscire: «Il 13 marzo l’ho visto per l’ultima volta – le parole della zia Patrizia a “Chi l’ha Visto?” – era normale, tranquillo, non mi sembrava preoccupato. Poi ad un certo punto ha iniziato a non rispondere più ai miei messaggi e a quelli degli altri su Facebook e il 26 marzo, il giorno del suo compleanno, mi sono spaventata e ho avvisato i carabinieri. Quando hanno fatto irruzione in casa non hanno trovato nulla di strano, sembrava che non fosse sparito nulla, il che non lasciava pensare ad un allontanamento volontario». Al momento si brancola nel buio, e la sua famiglia è disperata: «Non sappiamo dove sbattere la testa – dice la zia in lacrime – Americo ti vogliamo bene, per favore telefona ovunque tu sia, facci sapere che stai bene».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here