Migranti Gregoretti, autorizzato lo sbarco: andranno in altri paesi

Lo dichiara il Ministro dell'Interno Salvini: altri quaranta saranno ospitati dalla Cei

172

“Nelle prossime ore autorizzerò lo sbarco perché abbiamo la certezza che i migranti non saranno a carico dei cittadini italiani”. Lo ha detto il vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, in merito ai migranti a bordo di nave Gregoretti annunciando che “il problema è risolto”. Cinque Paesi, “Germania, Francia, Irlanda, Lussemburgo e Portogallo, più alcune strutture dei vescovi italiani – aggiunge – si faranno carico di questi 116 migranti”.

“Ho chiesto qualche giorno di lavoro per smuovere le coscienza. Ancora oggi il ministro dell’Interno tedesco ha chiesto di aprire i porti alle navi delle Ong. Nelle prossime ore darò l’ok allo sbarco, perché abbiamo la certezza che questi immigrati non resteranno a carico”. Lo ha detto in una diretta Facebook il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. “La nave Gregoretti è ferma, tranquilla in porto. Ribadisco la linea dei porti chiusi per chi arriva senza permesso”, ha aggiunto.

Una cinquantina di migranti saranno accolti presso la struttura “Mondo Migliore” di Rocca di Papa. Lo rende noto la Cei. “In tal modo la Conferenza Episcopale Italiana, tramite Caritas Italiana, si è impegnata con proprie risorse professionali ed economiche a corrispondere a una richiesta del ministero dell’Interno alla Chiesa Italiana di farsi carico dell’ospitalità, dell’accoglienza e dell’assistenza – anche legale – di queste persone”, si legge in una nota. “L’iniziativa, in coerenza con analoghe misure assicurate dalla Cei in supporto sussidiario al sistema di accoglienza italiano, si colloca in un orizzonte di collaborazione che vede lo Stato Italiano e la Chiesa Cattolica compartecipi nell’assistenza e accoglienza dei migranti”, sottolinea ancora la Conferenza episcopale.
(tgcom24.it)