Manda il figlio 15enne a lavorare per due ore l’ora, madre denunciata

243

Invece di mandare il figlio 15enne a scuola gli aveva trovato un ‘lavorò da due venditori ambulanti abusivi che lo pagavano due euro l’ora. È l’accusa contestata da agenti del commissariato di Librino a Catania a una 44enne, moglie di un detenuto, che è stata denunciata per sfruttamento del lavoro minorile e interruzione della scuola d’istruzione dell’obbligo. La donna è anche indagata per truffa aggravata ai danni dello Stato per il percepimento indebito del Reddito di cittadinanza. I due ‘datori di lavorò sono stati denunciati per sfruttamento del lavoro minorile. Il bambino, dopo i controlli, è stato affidato alla madre che, innanzi agli agenti, si è fatta consegnare la paga che aveva ricevuto il minorenne: 50 euro «guadagnati» nei pregressi giorni di lavoro.