L’ultimo bollettino: superati i 20mila contagi, 2853 nuovi casi

I morti sono stati 368, per un totale di 1.809. I guariti sono 369, per un totale di 2.335: e in Lombardia aumentano i posti per la terapia intensiva, da 724 posti a 1200

234

Nella consueta conferenza stampa del pomeriggio, il capo della Protezione civile Borrelli, ha detto che i contagiati sono 20.603, con 2.853 nuovi casi. I morti sono stati 368, per un totale di 1.809. I guariti oggi sono 369, per un totale di 2.335. Sono 1.672 i malati ricoverati in terapia intensiva, 154 in più rispetto a ieri. Di questi 767 sono in Lombardia. Dei 20.603 malati complessivi, 9.663 sono poi ricoverati con sintomi e 9.268 sono quelli in isolamento domiciliare. Quaranta pazienti sono stati trasferiti dalla Lombardia in altre regioni.

Dai dati della Protezione Civile emerge che sono 10.043 i malati in Lombardia (984 in più di ieri), 2.741 in Emilia Romagna (+392), 1.989 in Veneto (+214), 1.030 in Piemonte (+216), 1.087 nelle Marche (+224), 763 in Toscana (+149), 396 nel Lazio (+76), 296 in Campania (+53), 493 in Liguria (+109), 316 in Friuli Venezia Giulia (+45), 179 in Sicilia (+29), 212 in Puglia (+56), 367 in Trentino (+168), 128 in Abruzzo (+22), 139 in Umbria (+36), 17 in Molise (+0), 75 in Sardegna (+25), 56 in Valle d’Aosta (+15), 66 in Calabria (+7), 199 in Alto Adige (+29), 11 in Basilicata (+1). Quanto alle vittime, se ne registrano: 1.218 in Lombardia (+252), 284 in Emilia Romagna, (+43), 63 in Veneto (+8), 81 in Piemonte (+22), 46 nelle Marche (+10), 8 in Toscana (+2), 33 in Liguria (+6), 9 in Campania (+3), 16 Lazio (+3), 14 in Friuli Venezia Giulia (+1), 16 in Puglia (+8), 5 in provincia di Bolzano (+2), 2 in Sicilia (+0), 3 in Abruzzo (+1), uno in Umbria (+0) uno in Valle d’Aosta (+0), 6 in Trentino (+4), uno in Calabria, 2 in Sardegna.

I tamponi complessivi sono 124.899, quasi 85mila dei quali in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. “Uscire solo per lavoro, cure e spesa” “Faccio un richiamo alle regole: bisogna uscire soltanto per esigenze lavorative, cure mediche e spesa. Bisogna limitare al massimo i viaggi e le uscite fuori dalle abitazioni”, ha ribadito Borrelli. Brusaferro: “Non ci esprimiamo sulla curva” “Non ci esprimiamo sullo stato della curva, stiamo vedendo delle crescite con differenze tra regioni  , a livello nazionale il numero di decessi e contagiati oggi è il più alto”. Lo ha detto il presidente dell’Iss, Silvio Brusaferro, in conferenza stampa.

In precedenza, l’assessore al Welfare della Lombardia, Giulio Gallera, aveva reso noto il bilancio della Regione: il numero delle vittime raggiunge i 1.218. I nuovi decessi, in 24 ore, sono stati 252. I positivi sono 13.272, più 1.587. I ricoverati in ospedale sono 4.898, più 602 rispetto a ieri. I ricoveri in terapia intensiva aumentano di 25, e sono 757 in totale. Parzialmente rientrata l’emergenza sulla terapia intensiva. Gallera spiega in conferenza stampa che la Regione disponeva di 724 posti e ora ne ha 1200.