La Spezia: il gruppo Contship licenzia una donna, il sindaco rinuncia agli auguri di Natale

Il primo cittadino Pierluigi Peracchini ha rifiutato l'invito di Lsct: "I miei auguri vanno alla lavoratrice licenziata"

264

‘Tsunami’ in porto alla Spezia: il sindaco ha deciso di non partecipare ai tradizionali auguri di Natale a Lsct, il principale terminal portuale della città, del gruppo Contship, in solidarietà con una lavoratrice licenziata. I sindacati hanno detto di non esser stati messi al corrente del licenziamento mentre il gruppo Contship ha detto che la procedura riguarda “un caso specifico, che non può essere generalizzato o strumentalizzato”. Oggi la presa di posizione del sindaco Pierluigi Peracchini, che ha rifiutato l’invito di Lsct. “I miei auguri vanno alla lavoratrice licenziata. Non è condivisibile che il gruppo Contship, che lavora con una concessione pubblica da oltre 50 anni e guadagna oltre 30 milioni annui non abbia trovato una ricollocazione per una lavoratrice dopo 30 anni di servizio. L’amarezza è doppia – aggiunge – quando a essere perso è il lavoro di una donna alle soglie del 2020. Non è mai accaduto un licenziamento di questo tipo nella comunità portuale e credo che abbia avuto l’effetto di un’ulteriore incrinatura dei rapporti fra Contship e la città”. Il sindaco si riferisce all’impegno che Contship ha preso di liberare Calata Paita, dove sorgerà la nuova stazione crocieristica. “Siamo in attesa che si adoperi per il ritiro da quelle aree”.

(ansa.it)