Inail, al via nuova campagna comunicazione contro infortuni domestici

254

A poco più di un mese dalla scadenza del 31 gennaio per il versamento del premio annuale di 24 euro dell’assicurazione contro gli infortuni domestici, obbligatoria per chi si prende cura della casa e dei familiari in maniera abituale, esclusiva e gratuita, l’Inail lancia #Perunavoltapensoame, una nuova campagna di comunicazione promo-informativa che nasce con un duplice obiettivo: sensibilizzare casalinghe e casalinghi rispetto ai rischi più frequenti tra le mura domestiche e far conoscere le prestazioni garantite dalla polizza dell’Istituto. La campagna utilizza lo stile visivo delle storie Instagram per creare delle scene ispirate ai vari pericoli presenti in casa e proseguirà per circa un mese su radio, televisione, web e carta stampata. Nel corso del prossimo anno, però, continuerà anche attraverso alcuni brevi video realizzati con la tecnica dello storytelling, per raccontare le insidie degli ambienti domestici e i comportamenti corretti da adottare per prevenirli attraverso le testimonianze di alcune casalinghe.

“Diffondere la cultura della prevenzione – spiega il presidente dell’Inail, Franco Bettoni – anche all’interno delle abitazioni è tra i nostri obiettivi strategici Grazie all’ultima revisione legislativa, inserita nella legge di bilancio 2019, le prestazioni erogate dall’Istituto in favore degli assicurati contro gli infortuni domestici sono migliorate e la tutela è stata estesa fino ai 67 anni d’età”. Per Bettoni, “ci si è mossi nella direzione giusta, offrendo tutela ai soggetti più fragili, perché i dati più aggiornati che abbiamo a disposizione ci dicono che a infortunarsi sono soprattutto le donne ultrasessantenni”. “Per tutti coloro – sottolinea Bonaventurina Fringuelli, presidente del comitato amministratore del fondo autonomo speciale per l’assicurazione contro gli infortuni domestici – che ogni giorno si occupano della cura della casa e dei loro familiari è fondamentale assicurarsi e prendersi cura della propria persona. I lavori domestici possono mettere a serio rischio la salute e la sicurezza, per questo motivo il nostro impegno è quello di promuovere a tutti i livelli la cultura della prevenzione. L’obiettivo è diffondere la consapevolezza che il lavoro in casa ha lo stesso valore sociale delle attività lavorative svolte in altri ambienti”.