Il virus si diffonde nel mondo, 91 paesi colpiti: nave in quarantena a Napoli

I casi complessivi confermati ammontano a 98.387, mentre i decessi sono 3.383

241

Sono 91 i paesi ed i territori nel mondo colpiti dal coronavirus. I casi complessivi confermati ammontano a 98.387, mentre i decessi sono 3.383. E’ quanto emerge dall’ultimo aggiornamento sull’evoluzione del virus fornito dall’Università americana Johns Hopkins leader nella ricerca. Nuova Zelanda, Canada, Argentina, Russia. Cina, Corea del Sud e Italia restano in testa per numero di contagi.

Il virus non ha risparmiato neanche le isole di Saint-Barthelemy (Francia), nei Caraibi, e Faroe (Danimarca), nel nord atlantico. La Cina ha riportato 30 nuovi morti legati al coronavirus, 143 nuove infezioni e 16 cosiddetti “contagi di ritorno”, i casi importati da persone arrivate nel paese. Nel complesso, sono 3.042 le persone decedute per il Covid-19, i dati diramati dalla Commissione Sanitaria Nazionale.

Un caso sospetto di coronavirus segnalato in ritardo in Tunisia ha fatto scattare l’allarme contagio anche nel porto di Napoli. La nave Gnv Majestic, infatti, che era per lavori di riparazione nel bacino delle officine della Nuova Meccanica Navale, è in quarantena. A bordo ci sono 125 persone, tra equipaggio e operai che avevano iniziato le operazioni di riparazione. Di questi, 9 sono in isolamento in cabina. Si tratta di personale marittimo che il 27 febbraio scorso erano a bordo della Gnv Rhapsody, la nave da cui è sbarcato, a Tunisi, un cittadino tunisino di 40 anni risultato positivo ai test per il virus e ricoverato  all’ospedale universitario Farhat Hached di Sousse.

“In questo momento sono ricoverati presso il nostro Istituto 67 pazienti. I pazienti Covid positivi sono in totale 31, più i 2 ormai negativi (la coppia cinese). I pazienti in osservazione sono 34”. Lo rende noto l’ospedale Spallanzani nel bollettino medico di oggi. “Tutti i ricoverati sono in condizioni cliniche stabili – spiegano i medici – ad eccezione di sette che presentano una polmonite interstiziale bilaterale in terapia antivirale e che necessitano di supporto respiratorio”.