Green pass su aerei e treni, controlli da Nord a Sud

106

Stazioni di Roma sorvegliate speciali oggi per il rischio proteste annunciate nei giorni scorsi sui canali social contro l’obbligo di esibire il Green pass per viaggiare su treni a lunga percorrenza. Monitorate, in particolare, Termini, Tiburtina e Ostiense dove transitano i treni dell’Alta velocità. A Milano c’è chi è arrivato in stazione Centrale con largo anticipo oggi, nel primo giorno di Green pass obbligatorio sui treni a lunga percorrenza, temendo che la stazione “fosse presa d’assalto”, come la signora che ha accompagnato il nipote di ritorno a Napoli dopo le vacanze.

Ma al momento non si registrano problemi agli ingressi dei binari dove non ci sono file. Tranquilli anche i viaggiatori in arrivo, qualcuno con una proposta per velocizzare i controlli sui treni: “Basterebbe chiedessero il Green pass al momento della prenotazione”, dice Sergio, arrivato a Milano da Firenze. La coda – ordinata e non inusuale – c’è solo al punto dove vengono eseguiti i tamponi. Studenti stranieri come Elena, che ha fatto il vaccino, “entrambe le dosi, ma di quello indiano che in Italia non è riconosciuto, a differenza che in Spagna”, o la sua amica Jane che ha fatto la prima dose di Pfizer in Brasile “e ora dovrò fare la seconda dose qui, anche se non so come”; turisti ma anche lavoratori che fanno il tampone prima di riprendere il lavoro. “Lavoriamo a scuola e vogliamo fare il tampone prima di ricominciare domani” spiegano Gianna e Ada, non vaccinate “perché eravamo in ferie” mentre ricevono il modulo per fare il tampone alle 14. Per evitare di lasciare le persone al sole viene data una fascia oraria e chi arriva dopo le 12 rischia ogni giorno di non trovare più moduli. Chiusura del punto tampone alle 15.30. Poi da domani si ricomincia alle 7.30.