Coronavirus, rinviati al 2021 i campionati Europei di calcio

Lo ha deciso la Uefa, riunitasi oggi in videoconferenza con i rappresentanti delle 55 federazioni affiliate

223

I campionati Europei di calcio, inizialmente in programma dal 12 giugno al 12 luglio del 2020, saranno rimandati al 2021. Lo ha deciso la Uefa, riunitasi oggi in videoconferenza con i rappresentanti delle 55 federazioni affiliate, i dirigenti dell’Associazione dei club europei e delle Leghe europee e un rappresentante della FIFPro (la federazione internazionale dei calciatori professionisti). Come si legge in una nota ufficiale dell’Unione delle associazioni calcistiche europee, gli Europei di calcio del 2020 sono stati spostati di un anno.

Sull’iniziale impuntatura dell’organo di governo continentale del calcio, determinato a salvare il calendario della competizione fra le nazionali d’Europa, nel corso delle settimane ha prevalso la linea delle federazioni nazionali e (soprattutto) delle leghe e dei club: visto che l’emergenza coronavirus ha fermato il calcio europeo, per evitare il collasso economico del sistema, si deve fare di tutto per concludere i campionati nazionali e le coppe per club. Anche a costo di sforare le date previste per la fine delle stagioni nelle singole nazioni. In Italia, il 30 giugno.