Caporalato: Coldiretti e Anci presentano un progetto sul lavoro stagionale

261

Domani, il 18 febbraio, sarà presentato il progetto “Lavoro stagionale – dignità e legalità” finalizzato a contrastare il caporalato nel lavoro stagionale in agricoltura avviato dalla Fondazione “Osservatorio Agromafie”, insieme a Coldiretti e Anci, e coordinato da Giovanni Salvi, procuratore generale della Corte di Cassazione. L’evento si svolgerà a partire dalle 15 a Palazzo Rospigliosi, sede della Coldiretti, in via XXIV Maggio a Roma. Il lavoro stagionale rappresenta la componente prevalente dell’occupazione nelle campagne dove il contributo dei lavoratori stranieri è divenuto determinante. Scopo del progetto è di migliorare la disciplina e gestione del lavoro stagionale, al fine di assicurare condizioni di lavoro dignitose e legali, e, al tempo stesso, di consentire alle imprese agricole di sostenere la concorrenza internazionale. Per l’occasione verrà apparecchiata la ”tavola dello sfruttamento globale” che espone gli alimenti più a rischio presenti sugli scaffali. All’evento promosso da Ettore Prandini, presidente Coldiretti, Gian Carlo Caselli, presidente del Comitato Scientifico della Fondazione “Osservatorio Agromafie” ed Enzo Bianco, presidente del Consiglio Nazionale di Anci parteciperanno, tra gli altri: il ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova, il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e il presidente dell’Inps Pasquale Tridico.