Biocontenimento, la bufala smentita ufficialmente anche dalla Protezione Civile

209

Torna ancora a parlare della bufala smascherata non molti giorni fa, il commissario Angelo Borrelli della Protezione Civile: bufala che, rimbalzata sui social e sulle chat private, riferiva a tanti italiani ignari (e creduloni) che sarebbero state messe in atto manovre di biocontenimento, a seguito dell’epidemia da coronavirus.

“Smentisco seccamente che il dipartimento (di Protezione civile – ndr) si starebbe preparando per dichiarare le condizioni di biocontenimento su tutto il territorio nazionale da metà aprile”, ha infatti esordito con durezza Borrelli. Che, sempre mantenendo lo stesso tono, ha poi allertato: “Questa è una fake news che circola, queste false notizie vanno punite, chi le mette in rete deve essere punito: sono destituite di ogni fondamento e sono anche allarmistiche”.

In un momento così tanto delicato, infatti, chi crea e diffonde notizie del genere rischia di finire seriamente nei guai. Creare notizie allarmistiche come questa, del resto, potrebbe avere gravi ripercussioni su una vasta fetta sociale. E non sono affatto da sottovalutare, tra l’altro, nemmeno quelle assurde storie che diffondono in giro metodi alternativi per creare mascherine e disinfettanti fai-da-te, o consigli su come rimpinzarsi di qualche vitamina per scampare al contagio da coronavirus.